Quotidiano on line di politica, economia, cultura e informazione



Mercoledì, 5 Agosto 2020

Wisco

Ministro del Lavoro Poletti

I numeri sono più forti della comunicazione. Le riforme per rilanciare l’occupazione non hanno dato alcun risultato. I dati ISTAT di dicembre 2015 dimostrano quello che si sapeva fin dall’inizio. Finito l’effetto della decontribuzione l’occupazione è ferma, mentre la disoccupazione aumenta sia su base mensile (+ 9.000 rispetto a novembre) sia su base annua ( + 144.000 rispetto a dicembre 2015). La cosa più grave è che ha ripreso a crescere la disoccupazione giovanile che ha raggiunto il 40,1 per cento contro il 38,3 di dicembre 2015.
Il Jobs Act non ha portato alcun vantaggio. Ha, soltanto, precarizzato tutti i lavoratori assunti dopo la sua entrata in vigore.
Chi parla di contratti a tempo indeterminato non considera che con il nuovo regime tutti i lavoratori possono essere licenziati senza alcuna motivazione né di carattere soggettivo, né di carattere oggettivo, con un indennizzo ridicolo che può arrivare a un massimo di ventiquattro mensilità. 
La disciplina scaturita dalla riforma ha comportato,  di fatto, la cancellazione dello Statuto dei Lavoratori e un ritorno agli anni ’50. Questi sacrifici, peraltro, non hanno prodotto alcun vantaggio sul piano occupazionale. E, sul piano politico, hanno portato acqua al mulino delle forze antisistema. Bisogna invertire la rotta, tornare a una linea che ponga il lavoro al centro della politica economica. finalizzare all’aumento dell’occupazione le scelte di bilancio, la politica industriale, la politica fiscale la modulazione degli incentivi.
I dati ISTAT di dicembre dicono che i tempi per intervenire sono ridotti. Anche perché la situazione è ancora più grave di quanto emerge da quei dati. Nel Mezzogiorno la disoccupazione raggiunge tassi  molto più elevati rispetto al resto del Paese. E, ancora peggiore è l’andamento della disoccupazione giovanile. L’esasperazione sociale è a  livelli di guardia. Sottovalutare i pericoli di tale stato di cose è un errore gravissimo sul piano politico e su quello sociale. 
 

 

 

 

You have no rights to post comments

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information