Quotidiano on line di politica, economia, cultura e informazione



Mercoledì, 5 Agosto 2020

Wisco

Donald TrumpLo aveva promesso e lo ha fatto. Una volta salito alla Casa Bianca, Donald Trump ha emesso un’ordinanza esecutiva, un decreto emanato dal presidente con applicazione immediata, che congela i flussi di migranti negli Usa. Il presidente americano continua a stringere le maglie e con il nuovo ordine esecutivo da un lato blocca per quattro mesi il programma dei rifugiati, impedendo di fatto l’accesso dei rifugiati in Usa; dall’altro sospende per tre mesi gli ingressi dei cittadini provenienti da sette paesi musulmani, e quindi a rischio terrorismo, anche se in possesso di regolare permesso di soggiorno: si tratta di Siria, Libia, Iran, Iraq, Somalia, Sudan e Yemen.
C’era da aspettarselo, in quanto l’ordine esecutivo firmato Trump altro non è che la realizzazione di una delle promesse più note fatte da lui stesso durante la campagna elettorale: quella di vietare appunto l’ingresso negli Stati Uniti ai fedeli di religione islamica. Immediato il caos generale che vede primi ministri, scrittori e intellettuali protestare contro la decisione del presidente Trump. 
Intanto un giudice federale ha bloccato parte del contestato divieto. Ann M. Donnelly, del tribunale del distretto federale di Brooklyn, a New York, ha emesso un’ordinanza di emergenza che blocca i rimpatri forzati. Cioè impedisce temporaneamente agli Stati Uniti di espellere i rifugiati che provengono dai sette paesi a maggioranza islamica e stabilisce che i rifugiati, o altre persone interessate dalla misura e che sono arrivate negli aeroporti statunitensi, non possano essere espulsi. La giudice Donnelly, però, annulla solo una parte del provvedimento esecutivo del presidente: non stabilisce se le persone interessate debbano essere ammesse negli Stati Uniti o no, né si pronuncia sulla Costituzionalità della misura. Al riguardo fissa una nuova udienza per il 21 febbraio, in modo da poter tornare ad affrontare la questione. 
 
 
 
 
 
 

You have no rights to post comments

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information