Quotidiano on line di politica, economia, cultura e informazione



Sabato, 28 Novembre 2020

Wisco

Nuovo allarme disoccupazione per il Belpaese. All’Italia servono circa 1,7 milioni di posti di lavoro, affinchè si possa riportare il tasso di occupazione ai livelli pre – crisi: a lanciare l’allarme è questa volta l’Ilo, organizzazione internazionale del lavoro, per la quale bisognerebbe incentivare soprattutto i posti fissi e non sostituire gli anziani con i giovani. A partire dal secondo trimestre del 2008, si legge nel rapporto Ilo 2013, l’economia italiana ha perso circa 600 mila posti di lavoro e, nello stesso periodo, la popolazione in età lavorativa è aumentata di circa 1,1 milioni. Dal 2007 il numero dei lavoratori italiani precari è aumentato di 5,7 punti percentuali e ha raggiunto il 32 per cento degli occupati nel 2012. Un aumento, quello dei lavoratori precari, secondo l’organizzazione internazionale del lavoro, dovuto anche alla riforma Fornero.

 

Google sta pensando di iniziare a fornire connettività nei vasti spazi dell’Africa. In che modo? Non stendendo cavi sul territorio, ma utilizzando palloni aerostatici e mini dirigibili per dare vita a una rete wireless in grado di coprire vaste aree. Sarebbe questo, stando a quanto riportato dal Wall Street Journal, il nuovo progetto  ideato da Google per l’Africa sub-sahariana e anche per il Sud-est asiatico. La società di Mountain View, a quanto pare, avrebbe deciso di proporre ai vari governi di quelle zone una propria alternativa per la fornitura di connettività, in grado di raggiungere molte zone e dare l’accesso a Internet a circa 1 miliardo di persone che al momento ne sono prive. I dirigibili di Google, posti ad alta quota, creerebbero una rete senza fili in grado di coprire diversi chilometri quadrati di territorio. 

Il cinema italiano sfiora il successo ma non porta a casa alcun riconoscimento. Paolo Sorrentino con il suo "la grande bellezza è entrato nella rosa dei finalisti, ma, poi, è rimasto a bocca asciutta.
In compenso, al film arride, fin dai primi giorni di programmazione, un grande successo di pubblico.

I pensionati che andranno in pensione con alcuni anni di anticipo utilizzando le facilitazioni che il governo sta mettendo a punto subiranno penalizzazioni medie di 115 euro al mese.
La valutazione è dello SPI - CGIL, il sindacato pensionati di Corso Italia. la previsione è basata su una ipotesi di un anticipo di 4 anni e di una pensione media di 1.532 euro al mese, pensione presunta di un dipendente con 35 anni di contributi che va in pensione a 66 anni.

 

Netto calo della affluenza alle elezioni amministrative. I dati della prima giornata registrano una flessione media del 13 per cento, con oscillazioni che vanno dal 10 al 20 per cento, flessione destinata, ovviamente, ad aumentare nella seconda giornata.
Si registra un vero crollo della affluenza a Roma, dove la percentuale è passata dal 57% delle precedenti comunali al 37%. D’altronde, la scarsa partecipazione alle manifestazioni elettorali lasciava prevedere una tendenza di tal genere.

La CGIA di Mestre lancia l’allarme sugli effetti dell’aumento dell’Iva dal 21 al 22% fissato per luglio.
Secondo l'istituto economico veneto saranno colpite soprattutto le famiglie con i redditi più bassi e, soprattutto, i nuclei familiari con figli. Previsione difforme rispetto a quella di altri centri studi che ipotizzano, la contrario, che siano colpite le fasce di reddito più alte. La differenza, probabilmente si spiega con il fatto che la CGIA ha introdotto una variabile aggiuntiva, la propensione al risparmio che, ovviamente, è più elevata per i redditi più alti.
Se le ipotesi degli artigiani di Mestre sono esatte, c'è un motivo in più per intervenire scongiurando una misura che accrescerebbe il disagio dei ceti più poveri.
La cosa più incredibile è che, se non si farà nulla per evitarlo, l’aumento dell’IVA andrà a finanziare la abrogazione dell’IMU sulla propria casa. Un palese controsenso sia dal punto di vista sociale che dal punto di vista ecocomico.

La Lazio, battendo la Roma per 1 a zero, ha vinto il derby più importante della stagione. Una vittoria pesante che significa non solo la sesta Coppa Italia per la società bianco-azzurra, ma anche l’accesso dalla porta principale alla Europa League e la possibilità di sfidare la Iuve nella Supercoppa italiana.
Per la Roma, è la conclusione amara di una stagione fallimentare. Urgono investimenti massicci per una ricostruzione ex novo della squadra.

La vittoria di Vincenzo Nibali al Giro d'Italia ha riconciliato gli sportivi con il ciclismo. Le imprese spettacolari, sotto la neve, sulle Dolomiti, hanno ricordato i grandi campioni del passato, da Charly Gaul a Eddy Merckx ai  grandi scalatori del passato.
Una vittoria netta, quella di Nibali, che ha ridato all'Italia un campione che mancava agli appassionati di ciclismo dai tempi di Marco Pantani

 

Don Pino Puglisi è il primo martire della Chiesa morto per mano della mafia. La sua beatificazione rappresenta una svolta, soprattutto se ricordiamo che in un non lontano passato un personaggio come "Renatino De Pedis", noto esponente della banda della Magliana, è stato sepolto nella Basilica di Sant'Apollinare, un onore che dovrebbe essere riservato ai benefattori della Chiesa.

Ora la svolta va completata. Il Papa, ricevendo i vescovi siciliani, ha indicato la strada: "No ai funerali dei mafiosi in chiesa". Escludere i mafiosi dalle funzioni religiose, niente funerali, niente matrimoni, niente ruoli da padrino a battesimi e cresime, inciderebbe in modo significativo sul rapporto fra mafia e società e potrebbe rappresentare un apporto rilevante alla battaglia contro la criminalità organizzata.

Ormai è certo. Il ponte sullo stretto non si farà mai. Però rimane, in proporzione ai risultati, l'opera pubblica più cara della storia italiana. Tra progetto, costi societari e penali da pagare al consorzio di imprese che dovevano costruirlo, il "non ponte" costerà ai contribuenti un miliardo di euro. La cifra sarebbe stata sufficiente a finanziare il 50 per cento del taglio della prima rata dell'IMU su cui si sta affannando il governo.
Se i politici, invece di lanciarsi in promesse elettorali senza copertura si concentrassero su questi sperperi sarebbe molto più facile gestire la difficile congiuntura che il Paese attraversa e, magari, ridurre effettivamente le tasse, senza dover finanziare il taglio di una aliquota con aumenti di altre imposte, come spesso succede.

Le esplosive dichiarazioni di Giulia Ligresti stanno creando una serie di problemi alla figlia di Salvatore Ligresti. La Consob l’ha convocata per una audizione e sta esaminando la possibilità di una denuncia per aggiotaggio.

Unipol ha già presentato una articolata querela presso la Procura della repubblica di Torino. 

Il consiglio nazionale forense ha inviato al ministro di giustizia le proposte per la modifica dei parametri di riferimento delle tariffe alla clientela.

Novità importanti per la giustizia civile, si pagherà in base al valore della causa e non più per la durata della vertenza.

In tal modo gli avvocati sperano, anche di smentire la tesi che siano responsabili delle lungaggini delle vertenze che consentirebbe guadagni più elevati

Il processo di internazionalizzazione della Fiat prosegue a ritmo sempre più veloce. Il Gruppo ha intenzione di trasferire a Londra la sede di Fiat Industrial e di avvicinare al mercato americano i centri decisionali.

Una decisione definitiva non è stata ancora adottata perché, probabilmente, il management del gruppo teme i contraccolpi sulle vendite in Italia che rimane, comunque, uno dei mercati di riferimento del gruppo.

La prima Enciclica di Papa Francesco sarà il completamento delle bozze predisposte da Papa Benedetto XVI. Il tema  sarà la fede e l’uscita è fissata subito dopo l’estate.

Non è la prima volta che un Papa emana una Enciclica utilizzando i lavori del suo predecessore. Ma è la prima volta che il predecessore è ancora in vita e presente in Vaticano. E questa fatto conferisce un carattere di assoluta novità all’evento.

L’ILVA reagisce duramente al sequestro record deliberato dal GUP di Taranto per otto miliardi di euro.

Il Consiglio di Amministrazione ha deciso il ricorso al Tribunale della Libertà, ma nel contempo, ha rassegnato le dimissioni, ventilando la possibile chiusura dell’azienda.

Il provvedimento, peraltro, secondo la società sarebbe in contrasto con il decreto salva ILVA emanato dal governo Monti, di cui la Corte Costituzionale ha, nei mesi scorsi. Riconosciuto la legittimità, bocciando il ricorso della magistratura di Taranto.

Secondo notizie attendibili un consistente gruppo di deputati e senatori grillini starebbero per staccarsi dal Movimento per costituire gruppi parlamentari autonomi.

L’operazione, se avesse successo modificherebbe radicalmente la geografia politica e toglierebbe a Berlusconi la golden share dello scioglimento delle Camere.

Infatti, diventerebbe possibile una maggioranza alternativa sufficiente a consentire la costituzione di un governo formato da PD, SEL e 5 stelle dissidenti, magari con l’appoggio di scelta Civica.

Il nuovo segretario del Partito Democratico, Guglielmo Epifani si sarebbe convertito al sistema francese nella sua interezza: semipresidenzialismo + sistema uninominale maggioritario con doppio turno.

La proposta potrebbe incontrare un largo consenso in Parlamento, in quanto il PDL, in passato, ha sempre detto che avrebbe accettato il doppio turno se il PD avesse optato per il sistea semipresidenziale.

Il PD, però, è divido e il problema di Epifani sarà proprio di convincere il suo partito ad aderire in modo compatto alla proposta.

I due partiti maggiori, tra l’altro, avrebbero, oggi, un motivo in più per sponsorizzare l’iniziativa. Il meccanismo metterebbe ai margini i grillini che, probabilmente, farebbero la fine dei lepenisti che, in Francia, pur avendo ampi consensi, sono completamente emarginati nelle elezioni per il Parlamento. 

Si è concluso l’interrogatorio di Ruby al processo bis per le serate di Arcore. La testimonianza della ragazza è stata infarcita di “non ricordo”, “smentisco”, “ho detto cavolate” che, se non creano problemi agli accusati, sicuramente non accrescono la sua credibilità.

In conclusione, un interrogatorio che, probabilmente, si rivelerà ininfluente ai fini dell’esito del processo.

Nonostante la bocciatura del TAR Antonio Ingroia ha annunciato che non ha alcuna intenzione di prendere servizio presso la Procura di Aosta, sede alla quale è stato destinato dal Consiglio Superiore della Magistratura.

Ingroia, in realtà, ha già accettato il trasferimento ad Aosta, salvo il ricorso alla giustizia amministrativa, e attualmente è in ferie.

Considerata la bocciatura del TAR le alternative a sua disposizione sono solo l’aspettativa o le dimissioni dalla Magistratura. I tempi del giudizio di merito del TAR o di un ricorso al Consiglio di Stato sono troppo lunghi per consentirgli di attenderne l’esito lontano dal posto di lavoro.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato l’abrogazione della normativa sul  finanziamento pubblico dei partiti. In futuro i partiti saranno finanziati dai privati, con meccanismi che sono ancora allo studio e che, comunque, prevedono sgravi fiscali da parte dello Stato.

L’accordo sarà trasformato in un disegno di legge entro la prossima settimana.

Qualora il Parlamento non lo approvi entro l’autunno si procederà con lo strumento del Decreto Legge. Soluzione molto probabile, visto che in Parlamento, difficilmente sarà trovato l’accordo su un tema così complesso, sul quale non c’è concordanza nemmeno all’interno della forze politiche.

 

Guinness dei primati per Yuichiro Miura, giapponese ottantenne, che ha scalato l’Everest, la montagna più alta del mondo. Miura è da oggi, e a tutti gli effetti, la persona più anziana ad aver raggiunto la vetta più alta del mondo. A dire il vero, si tratta di una vecchia conoscenza di questo tipo di imprese: Miura, infatti, aveva già conquistato il primato il 22 marzo 2003, quando realizzò la scalata a 70 anni, per poi essere detronizzato dal nepalese Min Bahadur Sherchan, salito in cima a 76 anni nel 2008. “Mi sento l’uomo più felice del pianeta”, ha detto l’anziano scalatore giapponese una volta arrivato in cima, comunicando al telefono la sua vittoria: “Felice ma anche stanco come non lo sono mai stato. Vedo i paesaggi dell’Hymalaya sotto di me e voglio davvero ringraziare tutti coloro che mi hanno sostenuto e confortato”. 

Mercato immobiliare italiano in profonda crisi. Nel 2012 la compravendita degli immobili ha subito un calo del 24,8 per cento rispetto all’anno precedente. È quanto registra l’Osservatorio immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, secondo il quale il 2012 è un anno da dimenticare per la compravendita di case in Italia. Il rapporto parla chiaro: in termini di volumi si è tornati ai livelli degli anni ‘80, con un netto calo. Per trovare un dato peggiore bisogna tornare indietro di trent’anni. Rispetto al 2006 c’è stato inoltre un dimezzamento degli immobili venduti. Nonostante il crollo delle compravendite però  il prezzo degli immobili ha mostrato solo un contenuto calo.
Stilando una lista delle città più care d’Italia in termini di costi del “mattone”, il primo posto spetta sicuramente a Roma; a seguire, con oltre i 300.000 euro di quotazione media per le case vendute, ci sono Firenze (314.600 euro) e Venezia (303.300 euro).

Lotta alla crisi, in particolar modo sostenendo le aziende in difficoltà, e maggiore impegno nella  creazione di  posti di lavoro: è questa l’opinione prevalente, tanto in Italia quanto in Europa, su quello che ci si aspetta dall’Unione Europea. È questo il dato chiave che emerge dal Rapporto sull’Italia dell’Eurobarometro, presentato a Roma: per gli italiani e gli europei intervistati la prima priorità di Bruxelles dovrebbe essere quella di impegnarsi a contrastare la crisi.
Altro dato importante è quello riguardante l’uscita dall’euro. Dal Rapporto emerge che contrariamente a quello che molti sostengono,le considerazioni sull’euro continuano ad essere positive e una parte consistente del campione ritiene la moneta unica il principale successo dell’Unione europea.
Alla domanda sull’abbandono dell’euro, solo il 2 per cento degli intervistati europei si è detto favorevole. Per quanto riguarda il campione italiano, soltanto l’1 per cento si aspetterebbe dall’Italia l’uscita dalla zona euro.

La Corte di Cassazione ha stabilito che gi archivi Web devono esser aggiornati con continuità in modo da evitare gogne mediatiche. In particolare, va evitato che archivi e database continuino a diffondere articoli di inchieste  giudiziarie a carico di una persona anche se si tratta di vicende conclusesi con un proscioglimento successivo all’articolo. Pertanto la Corte ha precisato che il gestore del sito Web interessato debba garantire un aggiornamento tempestivo della notizia diffusa fornendo ai lettori le informazioni sulla evoluzione successiva del fatto.

 

 I professionisti iscritti all’Albo, non commettono reato se utilizzano software pirata.
Lo afferma una recente sentenza del  Tribunale di Bologna, che conferma, peraltro, precedenti orientamenti consolidati della Corte di Cassazione.
Il Tribunale ha assolto dall’accusa di violazione del diritto d’autore un architetto in possesso di programmi duplicati di cui non possedeva la licenza. La decisione è stata motivata dal fatto che il libero professionista esercita attività intellettuale, diversa da quella industriale, e che, a detta dei giudici, la legge punisce in sede penale solo chi usa programmi masterizzati nell’esercizio dell’attività di impresa.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information