Quotidiano on line di politica, economia, cultura e informazione



Giovedì, 21 Gennaio 2021

Wisco

asma assadLa comunità internazionale stringe ulteriormente la morsa sul regime siriano. I 27 ministri degli Esteri della UE, infatti, hanno varato una nuova tornata di sanzioni, che, questa volta, vanno a colpire le donne legate al presidente Bashar al-Assad: nella lista delle restrizioni compaiono così i nomi della moglie di Assad, la First lady siriana Asma, della madre, la potente Anissa, della sorella Bushra e della cognata. A tutte sarà vietato l’ingresso  nei Paesi Ue e saranno congelati i beni. La delibera UE colpisce anche il ministro dell’Elettricità e quello dell’Amministrazione locale, cinque sottosegretari, un uomo d’affari e due società siriane.  

Le nuove misure si aggiungono a quelle varate a fine febbraio e che hanno disposto il congelamento dei fondi della Banca Centrale Siriana, lo stop al commercio di oro e metalli preziosi con la Siria e il blocco ai voli dei cargo siriani, che nell’Ue potranno solo sbarcare eventuali passeggeri, ma mai merci. Si tratta di una “black list” che si allunga e che già contiene 150 nomi dell’entourage del regime, ma che sembra non bastare a placare la violenza sul terreno.
La situazione, infatti, nel paese siriano continua ad essere drammatica, al punto tale che l’Onu è tornato a condannare le “sistematiche e gravi violazioni delle libertà fondamentali”, commesse dal governo contro manifestanti, rifugiati, attivisti dei diritti umani e giornalisti. La nuova presa di posizione arriva dal Consiglio dei diritti umani, che ha votato (con 41 si, 2 astensioni e i 3 voti contrari di Russia, Cina e Cuba) una nuova risoluzione. Ancora una volta, dunque, sono state Russia e Cina a porre i paletti. Proprio per questo le prossime tappe dell’inviato speciale di Onu e Lega Araba, Kofi Annan, saranno proprio Mosca e Pechino: qui il super inviato discuterà con le autorità politiche dei rispettivi paesi una possibile via di uscita dalla crisi siriana. 

You have no rights to post comments

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information