Quotidiano on line di politica, economia, cultura e informazione



Giovedì, 21 Gennaio 2021

Wisco

hosni mubarakSentenza storica in Egitto, dove il Tribunale del Cairo ha condannato all’ergastolo l’ex presidente egiziano Hosni Mubarak. La sentenza mette la parola fine, dopo dieci mesi di udienze, al processo all’ex rais, per il quale l’accusa aveva chiesto la pena di morte. Mubarak doveva rispondere di corruzione e dell’accusa di aver ordinato la repressione contro i manifestanti pacifici della Rivoluzione del 25 gennaio, repressione che era costata la vita a ben 850 persone. Quella del Tribunale del Cairo è a tutti gli effetti una sentenza dalla portata storica, in quanto Hosni Mubarak è il primo capo di uno Stato arabo che finisce in carcere a seguito di una sentenza emanata da un Tribunale del suo popolo. L’ex rais è arrivato in aula, immobile su una barella, con lo sguardo coperto dagli occhiali da sole e molto dimagrito. Ad attenderlo c’erano i suoi coimputati, i figli, Alaa e Gamal, il suo ministro dell’Interno ai tempi della rivolta Habib al-Hadly, e sei suoi stretti collaboratori dell’epoca. Anche l’ex ministro dell’Interno, per il quale l’accusa aveva chiesto la pena di morte, è stato condannato all’ergastolo, essendo stato riconosciuto,  allo stesso modo, colpevole di aver ordinato di sparare sulla folla.   
La corte ha, invece, assolto gli altri sei collaboratori di Mubarak.

Ha assolto, inoltre, stesso Mubarak e i figli, Alaa e Gamal, dal reato di corruzione, stabilendo il non luogo a procedere perché i reati contestati risalgono a oltre dieci anni fa.
La lettura della sentenza ha scatenato nell’aula bunker una rissa, con gli avvocati dell’accusa che sono saliti sui tavoli del Tribunale, scandendo gli slogan “Fuori, fuori” e “Il popolo vuole che la magistratura sia ripulita”. Fuori dal Tribunale, invece, i familiari delle vittime della Rivoluzione del 25 gennaio in Egitto hanno protestato duramente contro la sentenza, considerata troppo mite.
 “La sentenza del popolo è la morte”, recitava uno dei cartelli esposti.
Intanto, entrambe le parti in causa faranno ricorso: da un lato l’ex rais ricorrerà in Cassazione contro la sentenza, dall’altro anche la difesa delle famiglie dei martiri della Rivoluzione ha annunciato che ricorrerà in appello, contro la decisione del Tribunale penale del Cairo di assolvere alcuni degli imputati.

 

You have no rights to post comments

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information